top of page

ESAME DI STATO - I SESSIONE 2022: tutto ciò che devi sapere

Il 9 novembre si è ufficialmente conclusa la I sessione 2022, con l’ultima giornata di Esame alla Federico II, e il 17 novembre ha preso avvio la seconda, che è anche la prima dalla riduzione del tirocinio da 1000 ore a 750.



Abbiamo ricevuto molte segnalazioni in questi mesi, in particolare per alcune sedi, e abbiamo fatto in modo da riportarle a chi di dovere per cercare di risolvere quelle criticità oggettive evidenziate in fase di esaminazione.


Ma, nel concreto, cos’è successo nella sessione precedente?

Qual è stato l’andamento?

È stata davvero una sessione così critica?

SPOILER: pensavamo peggio!


Possiamo tranquillamente affermare che la situazione sia decisamente migliorata rispetto agli anni precedenti, con una media (nazionale) dell’87% di abilitazione alla professione.



Ovviamente, la situazione cambia in base all’ateneo di riferimento e non tutto è filato liscio. Anzi!


Se da un lato abbiamo degli Atenei che, rispettando il Decreto 554 del 6 giugno 2022, hanno raggiunto anche il 100% delle abilitazioni (Bicocca e Pavia) o attestandosi su una percentuale superiore al 90% (Catanzaro, Cagliari, Messina, Padova e Torino), dall’altro abbiamo Parma e Bari che si sono caratterizzate per una eccessiva severità nelle valutazioni.



Di Bari (60%) vi abbiamo descritto la situazione in cui le Commissioni hanno stabilito di esaminare qualche giorno fa: Esame di Stato sulle 4 prove canoniche e una valutazione per ogni singola prova (e non globale, come prevedeva il testo ministeriale), procedura che verrà replicata anche in questa sessione (come comunicatoci dall’Università stessa).

Ma la maglia nera è vinta da Parma, con una percentuale inferiore al 50% di abilitazione e con una modalità di valutazione pressoché identica a Bari.


La tanto temuta e criticata Federico II, invece, ha permesso a quasi il 90% di chi ha sostenuto l’Esame di Stato di abilitarsi, ma siamo consapevoli che la problematica era relativa ad una valutazione “diversa” che veniva fatta a chi proveniva da Università Telematiche.


Riteniamo, però, che queste discrepanze tra Atenei sono da imputare quasi esclusivamente alla discrezionalità delle commissioni esaminatrici. Quindi, non è detto che ai prossimi esami questa situazione si ripresenti.



In conclusione, possiamo dire che questo dato è incoraggiante in quanto il dato è più alto rispetto agli anni precedenti, considerando anche che le modalità di esame sono cambiate.


L.A.Psi., come sempre, si impegna a darvi sostegno e supporto anche in questa seconda sessione d’esame e se dovreste riscontrare delle irregolarità o delle criticità nello svolgimento della prova d’esame vi preghiamo di segnalarcelo attraverso i nostri canali social (Facebook o Instagram) o attraverso il nostro indirizzo e-mail.


PS: un grande in bocca al lupo ai candidati e alle candidate della sessione di novembre!


Per partecipare in maniera attiva alla vita della nostra Associazione, collaborando con noi, potete farlo contattandoci attraverso il modulo sul nostro sito internet.


Infine, se volete sostenere la nostra Associazione nelle sue iniziative per la valorizzazione della professione di psicologə potete farlo tesserandovi al costo simbolico di 10€ per l'intero anno, cliccando qui.

927 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page